Funivia e trenino del Renon - Il servizio

Quando, nel gennaio del 1991, dopo 83 anni di storia, la SAD fu incaricata dalla Provincia Autonoma di Bolzano di gestire la funivia e ciò che restava della ferrovia, il "sistema Renon" si trovava in una situazione particolare.
Da una parte si doveva fare i conti con una funivia vecchia di 25 anni capace di trasportare non più di 250 passeggeri/ora, e con veicoli ferroviari affascinanti ma molto obsoleti (il più giovane in servizio aveva più di 80 anni!); d'altra parte, però, gli impianti fissi della ferrovia, da poco revisionati, erano pronti a sostenere un certo aumento di traffico; inoltre, il clima politico era ormai chiaramente orientato a potenziare il trasporto pubblico anche sull'altopiano del Renon.
Si trattava quindi di affrontare un periodo di crescita, portando a compimento alcuni interventi avviati negli anni precedenti e pensando a nuove iniziative, ottimizzando l'uso delle risorse e facendo ricorso a tecnologie moderne.

E infatti negli anni successivi si sono susseguiti numerosi interventi a cura o in collaborazione con la società "STA - Strutture Trasporto Alto Adige", proprietaria dell'infrastruttura:

  • 1991: ristrutturazione della stazione di Soprabolzano;
  • 1992: messa in servizio del tram "END" n. 12, il primo veicolo relativamente moderno del Renon;
  • 1996-98: ristrutturazione della stazione di Collalbo;
  • 2009: attivazione della nuova funivia;
  • 2009: messa in servizio del tram n. 24, acquistato usato dalla ferrovia svizzera Trogenerbahn e poi ristrutturato nelle officine SAD;
  • 2010: messa in servizio del tram n. 21, gemello del precedente;
  • 2012: attivazione della videosorveglianza in alcune fermate, e posa di una fibra ottica lungo tutto il percorso;
  • 2013: ammodernamento dei tre attraversamenti stradali più importanti, con installazione di nuove barriere e avvisatori ottico-acustici.

La nuova funivia, in particolare, è un fiore all'occhiello del trasporto pubblico dell'Alto Adige: si tratta della prima funivia in Italia con due particolari caratteristiche tecniche: la doppia fune portante e l'ammorsamento automatico (sistema "3S").
Queste caratteristiche consentono di avere continuamente in servizio fino a 8 cabine da 35 posti ciascuna, con una frequenza delle partenze fino a soli 4 minuti e una capacità di trasporto di oltre 500 passeggeri/ora in ciascuna direzione.

La storia

Sulla storia dell'altopiano del Renon, delle sue strade, della sua funivia e della sua meravigliosa ferrovia sono stati versati - giustamente - fiumi di inchiostro (e di byte sui più disparati siti web). Giustamente, innanzitutto perché si tratta di una storia lunga, iniziata alla fine dell'ottocento, quando il ricco business del turismo di élite ed i primi sviluppi delle macchine elettriche stimolavano la nascita di vari progetti per la costruzione di ferrovie di montagna.
E giustamente perché la storia del Renon, della sua gente e della sua economia si intreccia profondamente con la storia dei suoi mezzi di trasporto, ed è una storia di costante e appassionata crescita.

Bibliografia "Il trenino del Renon":

  • Demar, Klaus, La ferrovia del Renon: ferrovia di montagna:... nel passato, presente e futuro, Bolzano: Athesia Spectrum, 2007
    AA 385.520 FER
  • Gerelli, Attilio, Le ferrovie di montagna nei dintorni di Bolzano, Milano: Touring club italiano, 1919
    AA 385.609 GER
  • Pozzato, Francesco, Il trenino del Renon - Die Rittnerbahn, Albignasego: Duegi, 1988 
    AA 385.609 POZ
  • Baumgartner, Ernst, Il Renon ed il suo trenino: la ferrovia del Renon in vedute storiche, [S.l. : S.n.], 2005, Frangarto: Druckstudio Leo
    AA 741.683 BAU
  • Rosenberger, Hans Jürgen, Le ferrovie in Sudtirolo, Bolzano: Athesia, 1993 
    AA 385.094 ROS
  • Ragazzoni, Achille, Il trenino del Renon: una ferrovia nella natura, Renon: Associazione turistica del Renon, 1994
    AA 385.094 RAG
  • Schorn, Peter, Bolzano in movimento: immagini inedite del passato, Bolzano: Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige, Ripartizione 14, Cultura tedesca, Ufficio audiovisivi, c2013 
    DL 945.383 BOL
  • Autori vari, Il Renon e la sua ferrovia, Ed. Athesia Spectrum, 2007
  • Denoth, Günter, Lokalbahnromantik im Südlichen Tirol, Ed. Sutton Verlag, 2014

Siti:

Vedi anche: